Menù Principale
Messale
Orario Sante Messe
Periodo Settembre-Maggio
da Lunedì a Venerdì
ore 08:00 - Chiesa Madre
ore 18:00 - Chiesa di Sant'Antonio
Sabato
ore 18:00 - Chiesa Madre
Domenica
ore 09:00 - Chiesa di Sant'Antonio
ore 11:00 - Chiesa Madre
ore 18:00 - Chiesa Madre


Lettera Pastorale di S. E. Mons. Stefano Rega


 3a Domenica di Quaresima - Anno B

Antifona d'Ingresso  Sal 24,15-16
I miei occhi sono sempre rivolti al Signore,
perché libera dal laccio i miei piedi.
Volgiti a me e abbi misericordia, Signore,
perché sono povero e solo.


Oppure:
  Ez 36,23-26
«Quando manifesterò in voi la mia santità,
vi raccoglierò da tutta la terra;
vi aspergerò con acqua pura
e sarete purificati da tutte le vostre sozzure
e io vi darò uno spirito nuovo», dice il Signore.

 
Colletta

Dio misericordioso, fonte di ogni bene, tu ci hai proposto a rimedio del peccato il digiuno, la preghiera e le opere di carità fraterna; guarda a noi che riconosciamo la nostra miseria e, poiché ci opprime il peso delle nostre colpe, ci sollevi la tua misericordia. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

 
Oppure:
Signore nostro Dio, santo è il tuo nome; piega i nostri cuori ai tuoi comandamenti e donaci la sapienza della croce, perché, liberati dal peccato, che ci chiude nel nostro egoismo, ci apriamo al dono dello Spirito per diventare tempio vivo del tuo amore. Per il nostro Signore Gesù Cristo...


LITURGIA DELLA PAROLA


Prima Lettura  
Es 20, 1-17
La legge fu data per mezzo di Mosè.

Dal libro dell'Esodo

[ In quei giorni, Dio pronunciò tutte queste parole: «Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dalla terra d’Egitto, dalla condizione servile:
Non avrai altri dèi di fronte a me. 
]
Non ti farai idolo né immagine alcuna di quanto è lassù nel cielo, né di quanto è quaggiù sulla terra, né di quanto è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, tuo Dio, sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione, per coloro che mi odiano, ma che dimostra la sua bontà fino a mille generazioni, per quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.
[ Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascia impunito chi pronuncia il suo nome invano.
Ricòrdati del giorno del sabato per santificarlo. 
] Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro, né tu né tuo figlio né tua figlia, né il tuo schiavo né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te. Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il settimo giorno. Perciò il Signore ha benedetto il giorno del sabato e lo ha consacrato.
[ Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che il Signore, tuo Dio, ti dà.
Non ucciderai.
Non commetterai adulterio.
Non ruberai.
Non pronuncerai falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
Non desidererai la casa del tuo prossimo. Non desidererai la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo né la sua schiava, né il suo bue né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo». 
]

Salmo Responsoriale  
Dal Salmo 18
Signore, tu hai parole di vita eterna.

La legge del Signore è perfetta,
rinfranca l’anima;
la testimonianza del Signore è stabile,
rende saggio il semplice.

I precetti del Signore sono retti,
fanno gioire il cuore;
il comando del Signore è limpido,
illumina gli occhi.

Il timore del Signore è puro,
rimane per sempre;
i giudizi del Signore sono fedeli,
sono tutti giusti.

Più preziosi dell’oro,
di molto oro fino,
più dolci del miele
e di un favo stillante.


Seconda Lettura
  1Cor 1,22-25
Annunciamo Cristo crocifisso, scandalo per gli uomini, ma, per coloro che sono chiamati, sapienza di Dio.  

Dalla prima lettera di Paolo apostolo ai Corinzi
Fratelli, mentre i Giudei chiedono segni e i Greci cercano sapienza, noi invece annunciamo Cristo crocifisso: scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, Cristo è potenza di Dio e sapienza di Dio.
Infatti ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini.


Canto al Vangelo
  
Gv 3,16
Lode e onore a te, Signore Gesù!
Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito;
chiunque crede in lui ha la vita eterna.

Lode e onore a te, Signore Gesù!  

 

Vangelo  Gv 2,13-25
Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere.

Dal vangelo secondo Giovanni
Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo.
Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.
Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

 

Sulle Offerte
Per questo sacrificio di riconciliazione perdona, o Padre, i nostri debiti e donaci la forza di perdonare ai nostri fratelli. Per Cristo nostro Signore.

 
Prefazio
Il significato spirituale della Quaresima

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo 
a te, Signore, Padre Santo, 
Dio onnipotente ed eterno, 
per Cristo nostro Signore.

Ogni anno tu doni ai tuoi fedeli di prepararsi con gioia,
purificati nello spirito, alla celebrazione della Pasqua,
perché, assidui nella preghiera e nella carità operosa,
attingano ai misteri della redenzione
la pienezza della vita nuova
in Cristo tuo Figlio, nostro salvatore. 

E noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei Cori celesti, 
cantiamo con voce incessante l'inno della tua gloria: 

 
Santo, Santo, Santo il Signore...


Antifona alla Comunione  Gv 2,23
Molti, vedendo segni che Gesù faceva, 
credettero in lui.

 
Oppure:
   Sal 83,4-5
Il passero trova la casa, la rondine il nido dove porre 
i suoi piccoli, presso i tuoi altari, Signore degli eserciti, 
mio re e mio Dio. Beato chi abita la tua casa:
sempre canta le tue lodi.

 
Dopo la Comunione
O Dio, che ci nutri in questa vita con il pane del cielo, pegno della tua gloria, fa' che manifestiamo nelle nostre opere la realtà presente nel sacramento che celebriamo. Per Cristo nostro Signore.

Sottocategoria: Tempo di Quaresima - Anno B - Visite: 92

 Messaggio del parroco per la quaresima 2024

Messaggio del parroco per la quaresima 2024

Carissimi Fratelli e Sorelle,
 il cammino quaresimale che iniziamo con il mercoledì delle Ceneri è un tempo in cui siamo invitati a ritornare al Signore con tutto il cuore, come suggerisce la Parola di Dio nel primo giorno del cammino quaresimale (Gl, 12,12).  In questo tempo di preghiera e di conversione non restiamo insensibili dinanzi alle tante sofferenze che rinnovano nel mondo la passione di Cristo; penso alle guerre in atto, alle tante povertà diffuse che spengono nel cuore degli uomini la speranza. Condividiamo, con l’intelligenza del cuore, la sofferenza di tanti nostri fratelli con la vicinanza della preghiera e con gesti concreti di solidarietà evangelica.

La Qua­re­si­ma ci per­met­te di ri­ca­li­bra­re le no­stre scel­te, tro­van­do nel­la pre­ghie­ra e nel­la ri­flessione per­so­nale e il sen­so dell’l’equilibrio di cui l’uo­mo ha bi­so­gno e che nel vor­ti­ce de­gli im­pe­gni quotidiani a vol­te tra­scu­ra. Cri­sto, che ren­de nuo­ve tut­te le cose, tro­va in que­sto tem­po for­te una pre­di­spo­si­zio­ne del cuo­re nel qua­le semi­na­re la sua Pa­rola. Bi­so­gna vi­ve­re que­sto pe­rio­do di con­ver­sio­ne e riconciliazione pro­te­si ver­so la Pa­squa del­la vita. Riscoprire il sen­so del­la fede, alla riscoperta del­la fe­del­tà, l’uo­mo per­cor­re la stra­da del­la re­surrezione che si fa sem­pre più lu­mi­nosa.

Scrive Papa Francesco:“La Quaresima è il tempo di grazia in cui il deserto torna a essere – come annuncia il profeta Osea – il luogo del primo amore (cfr Os 2,16-17). Dio educa il suo popolo, perché esca dalle sue schiavitù e sperimenti il passaggio dalla morte alla vita. […]

 La Quaresima sia allora un momento di reale conversione, di ritorno a noi stessi e all'autentico desiderio di vivere secondo il Vangelo, di recupero della nostra identità cristiana, che non può essere soltanto ideale o proclamata, ma deve passare attraverso scelte concrete e usi precisi. Una Quaresima caratterizzata da un impegno anche piccolo, ma fedelmente rispettato, di lettura della Parola e di preghiera, di ripresa partecipazione alla Messa domenicale, e da uno sforzo di carità deciso nel segreto del cuore e praticato puntualmente, potrebbe essere tempo prezioso per giungere alla Pasqua un poco più degni di Cristo risorto.

Continua il Papa nel suo messaggio quaresimale: “È tempo di agire, e in Quaresima agire è anche fermarsi. Fermarsi in preghiera, per accogliere la Parola di Dio, e fermarsi come il Samaritano, in presenza del fratello ferito. L’amore di Dio e del prossimo è un unico amore. Non avere altri dèi è fermarsi alla presenza di Dio, presso la carne del prossimo. Per questo preghiera, elemosina e digiuno non sono tre esercizi indipendenti, ma un unico movimento di apertura, di svuotamento: fuori gli idoli che ci appesantiscono, via gli attaccamenti che ci imprigionano”. 

Pri­ma an­co­ra di sin­go­li fio­ret­ti pren­dia­mo la de­ci­sio­ne di ri­trar­ci e ri­fu­giar­ci nel no­stro cuo­re nel qua­le in­con­triamo Dio nel­la pace e ri­tro­viamo la Sua Pa­ro­la che ci riconcilia, ri­sa­na, per­do­na e ri­por­ta ognu­no di noi nel­la re­la­zione con gli al­tri e con il mon­do at­tra­verso una vita rinnovata. Buon cam­mi­no qua­re­si­ma­le”.

Roggiano Gravina, 14 Febbraio 2024

Il Parroco        

Don Andrea Caglianone
Sottocategoria: Comunicazioni - Visite: 229

I contenuti di questo sito sono di dominio comune. Pertanto potete usufruirne finché Dio sia glorificato in tutto.
Copyright© 2024 - Another creation MixerNet